Notizie



Ultimi Articoli

Mailing List

Se vuoi iscriverti alla mailing-list "Agopuntura" invia un'e-mail di richiesta all'indirizzo
agopuntura-subscribe@yahoogroups.com

L'azione antalgica del punto E38 (Tiao Kou) secondo i classici dell'agopuntura

L'azione antalgica del punto E38 (Tiao Kou)secondo i classici dell'agopuntura


Ho letto l’interessante lavoro del gruppo di Jorge Vas (1) sull’azione di E 38 (Tiao Kou) per la spalla dolorosa. Ciò mi ha permesso di confermare e avvalorare ciò che avevo imparato in Cina,  più di 12 anni fa. Inoltre, io utilizzo regolarmente questa metodica di lavoro  con  lo  stesso  successo  che  questo studio clinico randomizzato lascia intendere e che dimostra scientificamente.
 
Quindi,   non   posso   che   constatare   che   i Classici avevano un differente approccio nei confronti di questo punto. Sto finendo un lavoro sull’agopuntura e il dolore secondo i Classici ed è vero che scopro adesso un nuovo universo di una ricchezza incredibile. Questo proprio perché l’agopuntura « classica » (in opposizione all’agopuntura contemporanea cinese)   è   globalmente   più   generosa,   più ampia, più acuta  del nostro approccio zang / fu attuale.
 
Ecco    dunque    quello    che    ho    scoperto sull’argomento E 38 (Tiao Kou) riguardo le sue indicazioni per il dolore nei testi Classici.
 
E 38 (Tiao Kou)
 
Funzioni secondo l’agopuntura contemporanea :
Distende i tendini e attiva i legamenti
Armonizza lo stomaco e regolarizza il Qi
 
Applicazioni contemporanee per il dolore:
Periartrite della spalla
Gonalgia
Sciatica
Dolore allo stomaco e all’addome
 
Indicazioni secondo i Classici:
Dolore alle gambe
Dolore alla gamba sotto al ginocchio
Dolore del ginocchio
Tumefazione del dorso del piede
Ostruzione (bi) umidità del piede con sensazione di calore sotto il piede
Dolore, tumefazione, indolenzimento, freddo e intorpidimento dei piedi e delle ginocchia
 
Fonti classiche:
Zhenjiu Jiayijing (2) (Classico dell’ABC dell’agopuntura e della moxibustione) : « Dolore alle gambe, piedi distesi che non possono camminare, ostruzione (bi umidità), calore sotto i piedi che impedisce di stare in piedi a lungo » (volume 10).
Qianjin yaofang (3) (Prescrizioni principali delle mille once d’oro) : « Gambe fredde che impediscono di distendersi, tumefazione delle gambe e del ginocchio, dolore della gamba sotto il ginocchio » (volume 30).
Zhenjiu   juying   (4)   (Raccolta  del   meglio
sull’agopuntura e la moxibustione) e Zhenjiu dacheng (5) (Compendio di agopuntura e moxibustione) : « [E 38 (Tiao Kou) (tiaokou)] è essenziale per gli intorpidimenti dei piedi, (…) calore sotto i piedi che impedisce di stare in piedi a lungo, piedi freddi e dolore al ginocchio,   gambe   fredde   per   ostruzione umidità (shi bi), dolore alla gamba e tumefazione sotto il ginocchio, torsione dei tendini, piedi impotenti », rispettivamente (volume 1) e (volume 6).
Yixue rumen (6) (Rudimenti di medicina) : «ostruzione (bi) umidità, gambe fredde, dolore dei piedi e delle ginocchia che sono deboli e rilasciate » (volume 1).
Leijing  tuyi  (7)  (Complementi illustrati  del canone  classificato)  :  «  Intorpidimento, dolore, tumefazione, indolenzimento e freddo ai  piedi  e  alle  ginocchia,  tumefazione  del dorso del piede con torsione dei tendini, ostruzione (bi umidità) dei piedi con calore sotto i piedi, piedi deboli e impotenti che impediscono di stare in piedi a lungo » (volume 6).
Zhenjiu jicheng (8) (Sintesi dell’agopuntura e della moxibustione) : « Dolore, tumefazione, indolenzimento, freddo e intorpidimento dei piedi e delle ginocchia, tumefazione del dorso del piede con torsione dei tendini, ostruzione (bi  umidità)  del  piede  con  calore  sotto  il piede, piedi deboli e impotenti che impediscono di stare in piedi a lungo » (volume 3).
 
Commento
 
E’ evidente una certa coerenza tra i diversi grandi classici che trattano le indicazioni di E38 (Tiao Kou). I suoi bersagli specifici riguardanti il dolore sono: ginocchia, gambe e piedi. Come E 31  (Bi Guan), E 34  (Liang Qiu), E 36 (Zu San Li) ed E 37 (Shang Ju Xu), E 38 (Tiao Kou) è uno dei grandi punti per il dolore della gamba, dal ginocchio fino al piede. Infatti bisogna notare che esso è localizzato sul meridiano di Zu Yang Ming, che  è  situato  sulla  faccia  anteriore  della gamba e che è uno dei meridiani yang che nutre e  dà forza agli arti  inferiori.
 
Inoltre, esso è uno dei punti più potenti di Zu Yang Ming, che è uno dei meridiani ritenuto più ricco di Qi e di Sangue. In effetti, il capitolo 78 del Ling Shu (Canone Spirituale) dice : « Lo Yang Ming ha molto Sangue e molto Qi ». Ciò significa, tra le altre cose, che i punti di questo meridiano hanno la capacità di mobilizzare grandemente il Qi e il Sangue per eliminare una stagnazione di Qi, una stasi di Sangue o un perverso esterno, che bloccano i meridiani negli arti. Grazie a ciò, essi possiedono la capacità di eliminare qualunque ostruzione (Bi) locale.
 
Per quanto riguarda la gamba, ci ricorderemo che tutti i meridiani della rete dello Stomaco attraversano la gamba, essenzialmente sulla sua faccia anteriore. Possiamo ritenere che il meridiano tendino muscolare (Jin Jing) percorra l’insieme dell’arto inferiore con due branche  a  partire  da  E  41  (Jie  Xi)  fino all’anca. E lo fa con il meridiano principale, uno dei meridiani più importanti per la nutrizionee la mobilizzazione della gamba e della coscia. Parlando del ginocchio, il meridiano tendino muscolare dello Stomaco si sdoppia a livello della gamba. Una branca va ad inserirsi nella faccia antero-esterna del ginocchio, un’altra va ad inserirsi nella rotula. Comunque, meridiano principale e secondario passano anche per la faccia esterna del ginocchio. Per quanto riguarda il piede, il meridiano tendino muscolare si estende su tutto il dorso del piede e si inserisce nel collo del  piede  a  livello  di  E  41  (Jie  Xi).  Ed  è ancora dal meridiano principale che    si ramifica in tre branche sul dorso del piede.
 
Noi sappiamo che in medicina cinese esiste un grande principe: « Bu Tong Ze Tong » : « Quando questo non circola allora c’è dolore». Così, disostruendo l’insieme dei meridiani (Tong Jing) di Zu Yang Ming, E 38 (Tiao Kou) favorisce una circolazione fluida in tutto l’arto inferiore, attenuando così il dolore. Bisogna notare che esso è utile sia per la sensazione di calore o di freddo al piede, sia per  la  sensazione  di  freddo  alle  gambe.
 
Infine, sottolineamo che non si trova affatto nei  testi  Classici  alcuna  azione  di  questo punto a livello della spalla. Il tragitto del meridiano di Stomaco non ci permette di spiegare perchè, ad oggi, esso è utilizzato con successo nel quadro di spalla dolorosa.
 
Bibliografia contemporanea:
1- Zhen Jiu Xue (Acupuncture & Moxibustion),  de  Sun  Guo  Jie  et  autres, Editions de la santé du peuple, Beijing, 2000
2- Zhen Jiu Shu Xue Liao Fa (Méthode des points d’acupuncture et de moxibustion), de Li Ping Hua et autres, Editions des livres anciens  de  la  médecine  chinoise,  Beijing, 1996.
3-   Atlas   d’acupuncture   chinoise,   de   H. Solinas, B. Auteroche, L. Mainville, Editions Maloine, 1990.
4- Acupuncture : les points essentiels, de Ph. Sionneau, Editions  Trédaniel, 2000  L’Opera che raggruppa i Classici citati :
5- Compilation des chef-d’œuvres de l’acupuncture &  moxibustion, Editions  Hua Xia, Beijing, 1996.


 
Notes                                                               :
1. Vas J, Perea-Milla E. Les effets immédiats de la puncture du E 38 (Tiao Kou) dans l’épaule douloureuse et l’importance du deqi. Acupuncture &  moxibustion  2004;3(3):167-
174
 
2. Opera scritta da Huang Fumi sotto la dinastia Wei e  pubblicata verso il  259  d.c. Esso costituisce, dopo il Lingshu (Canone spirituale), il primo grande classico dedicato principalmente all’agopuntura e alla moxibustione. Esso fu un riferimento irrinunciabile per tutte le generazioni seguenti fino ai giorni nostri.
 
3. Quest’opera è stata scritta da Sun Simiao (581-682)  sotto  la  dinastia  Tang.  Essa contiene numerose trattazioni di farmacopea ma anche di agopuntura e moxibustione, di dietetica, di condotta di vita, di metodi di prevenzione (yang sheng). Questo autore erudito,  umanista  e  difensore  dell’etica medica (influenzato tanto dal taoismo, dal confucianesimo quanto dal buddismo), influenzò numerose generazioni di medici in Cina e in Giappone. Il suo lavoro costituisce ancora    oggi    un    riferimento    essenziale.
 
4. Opera pubblicata nel 1529 sotto la dinastia Ming e scritta da Gao Wu. Agopuntore celebre, egli fu il primo a produrre le tre statuette in bronzo: un uomo, una donna, un bambino, con la localizzazione dei punti e dei meridiani.   Quest’opera   presenta   numerose terapie e metodi di agopuntura. E’ quindi uno dei grandi classici dell’agopuntura.
 
5.  Opera  scritta  da  Yang  Jihou  sotto  la dinastia Ming e pubblicata nel 1601. E’ una sintesi sull’insieme delle conoscenze sull’agopuntura e la moxibustione dalle loro orgini fino a quell’epoca. Le sue numerose formule e tecniche degli aghi ispirarono numerose generazioni di agopuntri fino ai giorni nostri.
 
6. Opera della dinastia Ming, pubblicata per la prima volta nel 1575 e scritta da Li Chan, detto Li Jianzhai. Medico confuciano, egli sviluppò nella sua opera le virtù necessarie alla pratica medica. Il Yixue rumen è un libro didattico che ebbe un grande successo alla sua epoca (con molte riedizioni) e che presenta le teorie fondamentali sia della medicina cinese sia della diagnostica, dell’agopuntura, della farmacopea   e   di   alcune   altre   specialità.
 
7. Opera pubblicata nel 1624 sotto la dinastia Ming e scritta da Zhang Jiebin (1563-1640) detto Zhang Jingyue o anche Zhang Huiqing, una delle grandi figure della medicina cinese. E’ uno dei più celebri commentatori del Neijing (Canone interno) e si devono a lui numerosi chiarmenti su dei soggetti difficili. La sua opera centrale è il Leijing (Canone classificato– sottointendendo classificazione dei diversi temi del Neijing con spiegazioni) completato dal Leijing Fuyi (Complemento annesso del canone delle classificazioni) e il Leijing Tuyi (Complemento illustrato del canone classificato). L’altra opera fondamentale di Zhang Jiebin s’intitola : Jingyue Quanshu (Opera completa di Jing Yue) pubblicata ugualmente nel 1624. La sua personale teoria più celebre è l’affermazione che  lo  yang  non  è  mai  in  eccesso.  Al contrario, essendo alla base della vita, esso è piuttosto in vuoto, quindi si ha la necessità di rinforzarlo. E’ per questo che si fa di lui uno dei principali rappresentanti della « scuola della tonificazione tiepida ».
 
8. Opera scritta da Liao Runhong sotto la dinastia Qing e pubblicata nel 1874. Si tratta di un libro che tentò di sintetizzare l’insieme delle conoscenze di agopuntura fino ad allora. Esso contiene una montagna di informazioni: metodi di agopuntura e moxibustione, presentazione dei punti fuori meridiano, sindromi dei meridiani, localizzazioni dei punti,  i  cinque  punti  shu-trasporto, trattamento  delle  malattie  a  seconda  delle zone del corpo o a seconda dei sintomi, di cui tutta una parte sulla follia (kuang) e l’epilessia (xian), sulla ginecologia, sulla pediatria, punti vietati all’agopuntura, alla moxibustione, illustrazioni, etc.